Come gestire al meglio una campagna Facebook senza errori


L’universo delle campagne ADV sui social può rivelarsi davvero intricato: il rischio di fallire puntando sulla sponsorizzazione sbagliata e sprecando budget prezioso è sempre dietro l’angolo. Gestire al meglio una campagna su Facebook senza commettere errori vuol dire avere ben chiari gli obiettivi e focalizzare tutto l’effort promozionale in modo preciso e consapevole. Fortunatamente, il padre di tutti i social network mette a nostra disposizione diverse opportunità di personalizzazione e numerose alternative che ci permettono di individuare la strategia giusta e di correggere il tiro in caso di esiti non soddisfacenti. In che modo? Ecco gli 8 errori da evitare per una campagna pubblicitaria Facebook efficace e vincente e alcuni consigli per individuare la strategia più adatta ai tuoi obiettivi.

Campagne Ads Facebook: gli errori da non commettere Quando si tratta di gestire una campagna Facebook senza sprechi, la prima cosa da fare è prestare attenzione ad alcuni errori grossolani che possono essere evitati con un po’ di attenzione e di esperienza. Ecco gli 8 più frequenti.

1# Inserire troppi interessi in un singolo set di annunci Facebook Uno degli errori più comuni quando si crea una campagna su Facebook è quello di inserire interessi diversi in unico set di annunci. Questo avviene molto spesso quando, per testare nuovi segmenti di pubblico, si vanno a ricercare interessi pertinenti che possono essere ricondotti a un target e si creano annunci differenti per ciascuno di essi, pubblicandoli in unico set di annunci. Sebbene questa tecnica sia utile per individuare nuovi segmenti di pubblico, al tempo stesso, rende difficile (per non dire impossibile) capire quale degli interessi testati sia il più efficace. Questo spiegherebbe campagne che inizialmente producono ottimi risultati e poi smettono di funzionare. Come evitare questo errore? Il consiglio è quello di stilare una lista degli interessi che si desiderano testare e targettizzare, raggruppandoli per categoria. Il passo successivo è quello di creare gruppi di annunci che rimandino, ognuno, a un singolo gruppo di interessi. In questo modo sarà più semplice individuare il target su cui puntare maggiormente.

2# Gestire campagne Facebook complesse e con un budget insufficiente Anche quando si parla di social, la semplicità può essere la chiave vincente. Tra gli errori da evitare nelle campagne pubblicitarie Facebook c’è sicuramente la volontà di gestire account troppo complessi e, per di più, con un budget inadeguato: un numero eccessivo di campagne, di set di annunci o di singoli annunci attivi genera confusione e inefficienze, per non parlare di uno spreco di denaro. Cosa fare? La scelta più indicata è quella di destinare budget più elevati a insiemi di annunci che ti permettono di consolidare i migliori segmenti di pubblico: in questo modo potrai avere contemporaneamente più dati di Fb, ottenere il CPA in modo più veloce e crescere più rapidamente. Per capire quali sono gli annunci e i segmenti di pubblico che funzionano meglio, puoi ricorrere allo strumento di test diviso di Facebook attraverso i test A/B e ottimizzare il budget per l’intera campagna.

3# Utilizzare post organici che non hanno funzionato Molto spesso si tende a pensare che un post organico pubblicato sulla nostra pagina non abbia riscosso successo (in termini di click, commenti e condivisioni) solo perchè non ha raggiunto una buona copertura. L’errore che si commette in questi casi è quello di utilizzare lo stesso post per una campagna a pagamento su Facebook, nella speranza che questo ottenga migliori risultati. Al contrario, se un post non ha funzionato sulla tua pagina Facebook, con molta probabilità non lo farà neanche con una campagna a pagamento. 4# Concentrarsi sul costo per lead Un altro errore che si commette frequentemente nelle campagne Ads Facebook è quello di focalizzarsi sul costo per lead, anziché sul guadagno per lead. Quest’ultimo valore è l’utile guadagnato per ogni persona che completa il processo di vendita. Questo induce a focalizzarsi sul numero sbagliato, impostando la sponsorizzazione in maniera errata sin dal principio.

5# Selezionare un errato obiettivo della campagna Facebook Una strategia di social media marketing efficace, a oggi, dovrebbe puntare sul cosiddetto permission marketing. Uno degli errori più frequenti è quello di puntare su un obiettivo sbagliato per la propria campagna Facebook. Molto spesso, puntare tutto e subito sulla vendita come obiettivo immediato non si rivela una scelta vincente. L’ideale sarebbe è utilizzare obiettivi intermedi come la generazione di lead per iniziare a instaurare un dialogo proficuo con il potenziale utente/cliente e una relazione che può e deve essere coltivata nel tempo. 6# Tralasciare l’attività di follow-up Uno degli errori più diffusi tra gli inserzionisti di Facebook è quello di trascurare l’attività di follow-up delle campagne. Anche un annuncio vincente, dopo qualche tempo perderà la sua efficacia se non viene seguito e sostenuto nel tempo. L’analisi dei dati relativi alle campagne è molto importante per ottenere risultati sostenibili nel medio-lungo periodo. In particolare, tieni d’occhio il ROI della campagna pubblicitaria, i dati relativi al costo, alla rilevanza, alla frequenza e CPM, andando ad agire con misure correttive dove necessario. 7# Creare annunci nuovi e abbandonare quelli che hanno avuto successo Per funzionare, l’algoritmo di ottimizzazione di Facebook richiede almeno 50 conversioni per ogni serie di annunci. Questo vuol dire che avere troppi annunci attivi contemporaneamente, disperde le conversioni comportando sprechi e inefficienze. Il consiglio è quello di puntare su pochi annunci che funzionano bene, investendo maggiormente su di essi, piuttosto che creare nuovi annunci di incerta efficacia con il solo effetto di disperdere inutilmente soldi e conversioni. 8# Avviare una campagna Facebook senza comprenderne le impostazioni Banalmente, per un inserzionista che sceglie di effettuare un investimento pubblicitario su Facebook, uno degli errori più comuni è quello di avviare campagne Ads senza comprenderne realmente le impostazioni. Definire la campagna intorno a un obiettivo sbagliato (ad esempio Lead Generation invece che Conversion oppure Engagement) o selezionare impostazioni di target errate vuol dire sprecare budget. Allo stesso modo, talvolta ci si affida troppo al posizionamento automatico per gli annunci Facebook, dimenticando che il posizionamento ottenuto influenza in modo diretto il costo e il rendimento delle proprie campagne. In questi casi, meglio investire in formazione o affidarsi ad agenzie specializzate per evitare di commettere errori e di incorre in inutili perdite.

#FacebookAds #Facebook #SocialNetwork

COFFEEBYTES rappresenta un concept brand ideato da SaidiSEO.com

Sede Ufficio: Via Privata Francesco Koristka, 4, 20154 Milano MI - P.IVA 09215030967
e-mail per informazioni: info@ferdinandodagostino.com; saidiseo@ferdinandodagostino.com

Ferdinando Dagostino - SaidiSEO "Web Creative e SEO"

P.IVA 09215030967

YouTube CB.png
Spreaker CB.png
Facebook CB.png
Instagram CB.png
LinkedIn CB.png