Pirelli: Il futuro in 5G della mobilità su strada


La notizia è stata data a Torino il 14 novembre 2019, ma ci proietta verso uno scenario da quarto millennio: uno pneumatico in grado di avvertire gli altri veicoli di condizioni di strada pericolose, condividendo su rete 5G le informazioni rilevate relative al manto stradale.

Lo pneumatico che ci introduce nel mondo delle macchine pensanti è firmato Pirelli e conta innumerevoli sensori incorporati in grado di rilevare pericoli sulla strada.

Si fa inoltre baluardo di quella connettività grazie alla quale i veicoli saranno in grado di comunicare con infrastrutture come i semafori e di condividere informazioni sulle condizioni del traffico con altri conducenti, oltre che con le autorità locali. Il connubio tra meccanica, tecnologia e telecomunicazioni è evidente e si traduce in un patto di aiuto e sostegno reciproco. Lo testimoniamo i protagonisti dell’evento “The 5G Path of Vehicle-to-Everything Communication” organizzato dalla 5G Automotive Association, di cui Pirelli è membro. E’ stato infatti il risultato - un ottimo risultato - della cooperazione tra Pirelli, Ericsson, Audi, Tim, Italdesign e KTH, che ha visto una dimostrazione pratica sulla pista prove del Lingotto, dove un veicolo dotato di pneumatici sensorizzati Pirelli Cyber Tyre e connesso alla rete 5G ha trasmesso

ad un secondo veicolo in arrivo il rischio di aquaplaning rilevato sulla pista.

L’azienda italiana, che si colloca tra i principali produttori mondiali, non ha ancora annunciato quando i pneumatici di quarta generazione saranno generalmente disponibili, ma ha tenuto ad evidenziare concretamente che il suo nuovo pneumatico “si colloca all’interno di un paradigma di comunicazione più ampio, che coinvolge l’intero ecosistema del trasporto su strada, contribuendo attivamente allo sviluppo di soluzioni e servizi per la futura mobilità e per i sistemi di guida autonoma”.

Cyber Tire, gli pneumatici Pirelli e il 5G

Il concetto di auto tecnologica permea ormai l’orizzonte delle quattro ruote: sono sempre di più i veicoli equipaggiati con sistemi computerizzati sofisticati. Gli pneumatici, però, pur essendo una componente fondamentale - soprattutto a livello di sicurezza - sono stati considerati a lungo come un puro elemento meccanico della vettura, venendo di conseguenza escluso da possibili implementazioni hi-tech.

In futuro, però, non sarà più così: queste nuovissime gomme digitali, infatti, sono in grado di prevedere gli ostacoli che si possono presentare lungo la strada, andando a modificare il comportamento della vettura, propria o altrui, per garantire sempre la massima sicurezza su strada. Si tratta di un passo avanti epocale, in quanto, fino ad oggi, i sistemi ADAS - Advanced Driver Assistance Systems - erano in grado di percepire i pericoli nell’immediato, ma non potevano prevederli. Al contrario, le gomme equipaggiate con Cyber Tyre sviluppano al meglio questo punto di forza.

Si tratta sostanzialmente di pneumatici che raccolgono informazioni a proposito del manto stradale durante il tragitto - ad esempio quando le forti precipitazioni causano il rischio di slittamento - condividendo poi il dato attraverso le reti 5G. In questo modo un’allerta può essere diramata in tempo reale alle altre vetture presenti nelle vicinanze, in pieno stile V2I (Vehicle-to-Infrastructure), così che i conducenti possano prestare una maggiore attenzione nell’avvicinarsi al punto critico.

Back to the future: storia di un successo annunciato

Per oltre 20 anni, gli scienziati e i ricercatori di Pirelli hanno perseguito l'obiettivo di realizzare pneumatici intelligenti e hanno per questo stretto alleanze con partner prestigiosi tra i quali la Fondazione Politecnico di Milano per la Smart Mobility e il Berkeley Wireless Research Centre, depositando oltre 300 brevetti.

Un successo del 2018, Cyber Car, consisteva in un servizio che rilevava i parametri di funzionamento del pneumatico trasmettendoli all’intelligenza di bordo, la quale riusciva così ad adeguare l'ABS e il controllo di stabilità per una guida più sicura e performante. Cyber Car si basava sul successo di “Pirelli Connesso”, lanciato al Salone di Ginevra 2017 e che si rivolgeva a singoli conducenti essendo parte integrante di un'app sul proprio cellulare.

A fronte di queste conquiste, i produttori di automobili più innovativi e lungimiranti investono oggi sullo pneumatico per fornire una migliore esperienza di guida e incrementare la performance della propria vettura. In questo panorama, i test più importanti sono stati fatti su vetture di fascia alta, perché le macchine più potenti sottopongono le gomme ad un maggiore stress.

A breve, però, questo sistema potrà debuttare anche su vetture di fasce più basse, dal momento che il costo unitario per la produzione del sistema non inciderà in maniera eccessiva sul prezzo complessivo della vettura. Si tratterà quindi di un apparato in grado di espandersi in maniera significativa.

Solo concept car, futuro e sperimentazione? Assolutamente no. Oggi il Cyber Tyre Pirelli è una realtà presente anche nel solido e tangibile mondo dell’autotrasporto, perché gli autocarri hanno una semplicità maggiore a livello di elettronica rispetto alle autovetture, elettronica con cui è più immediato interfacciarsi. Il futuro della gomma intelligente è quindi già presente e alla portata di tutti.

Pirelli Cyber Tyre e rete 5G: obiettivo sicurezza

La Cyber Technologies Unit di Pirelli, che si occupa dello sviluppo dello “pneumatico parlante”, persegue l’obiettivo del Parlamento Europeo di portare a zero la mortalità causata dagli incidenti stradali, per il quale sono state recentemente varate misure destinate a rendere obbligatori entro il 2021 i sistemi di assistenza alla guida. Cyber Car e Pirelli Connesso, sistemi già rodati sulle strade statunitensi, si rivolgeranno dunque all’Europa con l’orizzonte di essere adottabili anche in Cina.

In quanto periferiche digitali, queste potranno essere migliorate o modificate costantemente a vantaggio dell'utente e della sua tanto auspicata sicurezza.

#Pirelli #conceptcar #CyberTyre #V2I

COFFEEBYTES rappresenta un concept brand ideato da SaidiSEO.com

Sede Ufficio: Via Privata Francesco Koristka, 4, 20154 Milano MI - P.IVA 09215030967
e-mail per informazioni: info@ferdinandodagostino.com; saidiseo@ferdinandodagostino.com

Ferdinando Dagostino - SaidiSEO "Web Creative e SEO"

P.IVA 09215030967

YouTube CB.png
Spreaker CB.png
Facebook CB.png
Instagram CB.png
LinkedIn CB.png