CES: Palco mondiale della Digital Transformation

Ideata dalla Consumer Technology Association (CTA), il Consumer Electronic Show meglio conosciuto come CES è una delle maggiori manifestazioni fieristiche del globo, capace di mettere in evidenza tutte le innovazioni che caratterizzano il panorama tecnologico e di essere, allo stesso tempo, catalizzatrice dei maggiori e più rilevanti esponenti - nonché dei pionieri - del mercato attuale.

La consuetudine vuole che sia organizzata all’inizio dell'anno nella vivace Las Vegas, cittadina statunitense da sempre celebre per il divertimento e l’eccesso, divenuta però recentemente sede privilegiata di fiere e congressi, in grado di attrarre a sé un considerevole indotto per il turismo d'affari.


La manifestazione del 2019 ha registrato la partecipazione di più di 4.400 aziende, mentre l’edizione del 2020, recentemente conclusasi, ha aggiunto a questo numero un centinaio di espositori. Proprio questi hanno saputo richiamare migliaia e migliaia di ospiti da più di 150 paesi del mondo, per i quali sono state programmate 250 conferenze.


Questi dati ci confermano che il CES è un avvenimento colossale, non solo per l’intervento dei numerosi espositori, ma anche per la capacità di attrarre fornitori, rivenditori, funzionari e finanziatori. Va da sé definirlo un evento con un elevato elemento di aggregazione e hub per confrontarsi sul futuro e sulle innovazioni, dall’internet of things alle città connesse.


Origini e dettagli

L’istituzione del CES non è per nulla recente: la prima edizione risale al 1967, quando l’evento mondiale si tenne a New York. Inizialmente era stata considerata uno spin-off di un’ulteriore mostra dedicata all’elettronica di consumo con sede a Chicago, che faticava a registrare ingenti flussi ed espositori.


Recentemente il CES è stato riconosciuto come una delle più rilevanti fiere su scala mondiale, durante la quale è possibile assistere alla presentazione in prima mondiale di nuovissimi device. Non solo: oggi il CES, oltre ad essersi caratterizzato come primo porto di sbarco di tutti gli investitori nell'elettronica di consumo, è diventato un vero e proprio evento trendsetter, o meglio trendspotter, in grado di esplorare e di portare alla luce tutte le nuove tendenze anticipando l’impatto che queste detteranno alle economie, in termini di crescita individuale e lavorativa.


Protagonisti di ieri e di oggi Ci piace però fare un passo indietro e ricordare le tecnologie più famose e rinomate che, negli scorsi decenni, hanno visto la loro prima presentazione al CES. L’elenco è ricco e amarcord: inizia con il primo modello di videoregistratore, prodotto dalla Philips nel 1970, seguito dal celeberrimo Commodore 64 nel 1982. La volta della prima HDTV arrivò nel 1998, mentre il primo esemplare di OLED TV fu presentato nel 2008.

Oggi la fiera raggruppa un numero impressionante di prodotti, catalogabili in ben 24 ordini, sinonimo della quantità e varietà delle tematiche toccate. Le più accattivanti tra queste sono sicuramente il 5G, la tecnologia blockchain con l’emissione di criptovalute e l'internet of things. Risonanza notevole hanno anche l’automazione e la robotica, oltre che la stampa 3D, capace di dar vita a veri e propri stabilimenti di produzione digitale.


Non possiamo non citare, tra i protagonisti dell’evento cosmico, i dispositivi audio e TV di nuova generazione, cosi come il vastissimo settore dell’automotive, ma anche il rilievo particolare dato a realtà virtuale e realtà aumentata. Anche le discipline sportive con gli iper-performanti smartwatch trovano spazio e dignità al CES, a fianco dell’infotainment.


Informazioni di servizio

Chi, incuriosito e attratto dallo scintillio di questa avveniristica esposizione, voglia realizzare il sogno di parteciparvi, segnaliamo che, al costo della trasferta per il Las Vegas Convention Center, situato nell’area metropolitana di Las Vegas, dovrà sommare quello del biglietto d'ingresso: il prezzo, per l’esposizione del 2020, è stato di 900 dollari per lo Starter pass, che limita l’accesso a poche aree. Il pass Deluxe costa invece 1.700 dollari, ma consente accesso illimitato ad aree tematiche e talk. Un evento decisamente ampio per tipo d'interessi e aree ma sicuramente ristretto ancora a pochi privilegiati.