CNN acquista Canopy per la creazione di contenuti affidabili a misura di utente

Lo scorso 7 aprile la CNN ha annunciato, tramite una nota ufficiale dedicata sul proprio portale, di aver preso una decisione importante, ovvero di aver acquistato la società americana Canopy.

Questa azienda privata con sedi a Brooklyn e Boston, unisce la content curation umana e l’analisi dei big data insieme alla privacy differenziale ai fini di fornire contenuti e notizie affidabili e “su misura”.

Fondata nel 2018 da un team di talento, i più ferrati tra noi conosceranno Canopy per la sua unica creazione commerciale: l’applicazione Tonic.

Quest’ultima dal funzionamento molto simile a quello che sarà il nuovo progetto in collaborazione con CNN e quindi paragonabile quasi ad un prototipo, Canopy informa che nei prossimi mesi verrà chiusa in via definitiva.


“Fallo ancora, fallo meglio”: una seconda possibilità a distanza di quasi 10 anni


Il motivo dietro l’acquisizione di Canopy da parte del gigante dell’informazione statunitense CNN sembrerebbe essere il voler creare un insieme di prodotti capaci di contrastare l’egemonia di Apple e Facebook sul campo della distribuzione delle notizie.


Un primo tentativo di questo genere era già stato fatto - sempre dalla CNN - diversi anni fa, più precisamente nel 2011, con l’acquisizione di Zite, società con uno scopo simile a quello di Canopy. Questo progetto però venne abbandonato nel giro di pochissimo tempo, cedendo Zite a Flipboard dopo soli 3 anni.

Come venne successivamente spiegato da uno dei portavoce della CNN al blog americano sulle nuove tecnologie TechCrunch, Zite non era stata capita a causa dell’allora mancanza di competenze tecniche necessarie per sfruttare al meglio le capacità dell’azienda.


Memori di quanto accaduto all'epoca, nonostante si pensasse che il progetto sulla personalizzazione dei feed delle notizie fosse stato abbandonato, la macchina è andata avanti, arrivando ai giorni nostri con questa novità.

Indicativamente, da utilizzatori quali siamo, quasi tutti sappiamo come funzionano queste tipologie di app, che siano esse di proprietà di Facebook o di Apple.

Queste ci forniscono notizie e contenuti che potrebbero essere in linea con quelli che sono i nostri interessi palesati con l’utilizzo degli altri loro prodotti.


Ma l’idea che sta alla base della liason fra CNN e Canopy è leggermente diversa.

Il gigante dell’informazione giornalistica, a differenza dei colleghi, vuole fornire informazioni che siano prima di tutto veritiere e su misura per ognuno dei suoi futuri clienti e che coprano campi più vasti rispetto a quelli dei competitor, aggiungendo news su sport, cultura e divertimento.

Attenzione particolare sarà poi dedicata a tutte quelle notizie che hanno per tema la politica: infatti, come ha dichiarato il dirigente della CNN Andrew Morse, l’intento è assicurarsi che l’offerta del prodotto sia priva di qualsiasi inclinazione politica.

Per farlo, la CNN ha assunto un team di circa 15 persone con una solida esperienza alle spalle: fra questi talenti sono presenti ingegneri come Andrew Green, ex supervisore ai canali radio per Spotify e molte altre menti brillanti.


Riserbo e riservatezza: le due colonne portanti del progetto NewsCo


Su questo progetto la CNN mantiene comunque un certo riserbo: dalle poche informazioni fornite nel documento di acquisizione sembrerebbe che il nome in codice di questa nuova serie di prodotti sia NewsCo e venga definita come “una piattaforma di notizie e informazioni che collega gli utenti a fonti attendibili, narratori e creatori su una vasta gamma di argomenti”.


Uno dei punti di forza di Canopy, che è stato uno dei principali motivi di interesse da parte del colosso giornalistico statunitense ai fini dell’acquisto della società di Boston, è sicuramente l’utilizzo della privacy differenziale: essa permette di mantenere un elevato livello di riservatezza dei dati e dei gusti personali dell'utente.

Whitman, la mente alla guida di Canopy nonché co-fondatore di EchoNest, il progetto alla base di Spotify, scrive in una mail: “Il nostro sogno da qui a un anno è quello di raggiungere milioni di persone e aiutarle a navigare in un mondo sempre più complesso in un modo che non può che aiutarle”.

Quindi è questo che dobbiamo aspettarci nel prossimo futuro.

Mai come in questo momento è davvero il caso di dire “Stay Tuned!”.

Articolo di Ilaria Calcagnolo

COFFEEBYTES rappresenta un concept brand ideato da SaidiSEO.com

Sede Ufficio: Via Privata Francesco Koristka, 4, 20154 Milano MI - P.IVA 09215030967
e-mail per informazioni: info@ferdinandodagostino.com; saidiseo@ferdinandodagostino.com

Ferdinando Dagostino - SaidiSEO "Web Creative e SEO"

P.IVA 09215030967

YouTube CB.png
Spreaker CB.png
Facebook CB.png
Instagram CB.png
LinkedIn CB.png