Economia e innovazione: Digitalizzazione green nel rispetto del pianeta

Solo due mesi fa chiedevamo ai nostri lettori quale super potere avrebbero voluto sprigionare dalle loro mani, se fosse stato possibile.

Il teletrasporto, o meglio il trasporto dalle caratteriste eccezionale, ritorna ad essere protagonista delle nostre pagine e quindi nel palcoscenico scientifico planetario.


Dal teletrasporto quantico dell'Accademia Austriaca delle Scienze del quale abbiamo parlato in un articolo dello scorso aprile, al carburante a base di etanolo messo a punto dal LanzaJet, l’Associazione Internazionale del Trasporto Aereo ha dichiarato che al centro della strategia c’è l’intenzione di ridurre le emissioni del 50% entro il 2050.

Passi, o meglio i chilometri percorsi, sulla strada dell'impiego di nuove e futuribili tecnologie sono stati davvero molti.



Non ci soffermeremo troppo al lungo, in questo articolo, sul tema della dell'emergenza climatica, perché preferiamo rimandare i nostri lettori alla lettura integrale dell'approfondimento della brava Ilaria Calcagnolo, che nel suo pezzo del 4 giugno, ha identificato in MethaneSat il nuovo alleato nella battaglia contro le emissioni nocive di gas metano.


Abbiamo dunque preferito proseguire veloci, proprio come i byte che corrono sulle bande delle nostre reti: sulla strada verso il progresso abbiamo trovato altri grandi progetti e li abbiamo voluti osservare da vicino, per raccontarveli meglio con ulteriori approfondimenti.


Ci ha stupito il nuovo piano di investimento di Jeff Bezos, patron di Amazon, sempre teso - anche lui - al raggiungimento di immensi traguardi.

In questo caso quello di diventare il punto di riferimento della logistica mondiale, come ingranaggio fondamentale della catena del valore. Un argomento e un protagonista che di certo non hanno generato poche polemiche.


E mentre Elon Musk permette alla Nasa di lanciare una nuova missione spaziale con il suo shuttle SpaceX, solleticando sensibilmente l'umana aspettativa di raggiungere la Luna e di viaggiare per il Cosmo (cosi come si passeggerebbe nel cortile di casa) , alcune aziende sue connazionali, al contrario, spengono i sogni di moltissimi dipendenti, i cui contratti di lavoro non vengono rinnovati, in favore del risparmio economico permesso delle applicazioni di Intelligenza Artificiale. E' quanto accadrà a 50 dipendenti di Microsoft, avvisati lo scorso fine mese, i quali dal 30 giugno saranno sostituiti da un software all'avanguardia.


Vero e proprio sinonimo del ruolo di capo redattori, in grado di riconoscere le notizie di tendenza, riscrivere titoli e corredare di immagini o di diapositive gli articoli.


Eppure, l'economia, cosi come la politica sociale - anche quella che corre sulle fibre della trasformazione digitale - non smette di mostrare l'altra faccia della sua preziosa medaglia. Se da una parte alcune grandi aziende spingono per l'ammodernamento dei loro processi a discapito della forza lavoro umana, dall'altra parte altre imprese dotano in propri uffici di strumenti sempre più performanti per alleggerire il carico di lavoro dei dipendenti o, quantomeno, migliorarne le perfomance. Questo il caso di Moleskine, ideatrice di Remarkable, sistema di smart writing per la digitalizzazione degli appunti.


Tra " i facilitatori", non passa inosservato, nel panorama delle "chicche" digitali neppure Slack, sistema tecnologico per facilitare il flusso comunicativo tra colleghi di lavoro.

L'ultima perla che abbiamo avuto il piacere di osservare e di narrare è Luna Labs, che ha recentemente lanciato Replay. Con questo naming evocativo, si indicano tutti gli annunci video di giochi per cellulari, creati automaticamente grazie, ancora una volta, all'accurato impiego dell'intelligenza artificiale.


Risparmiare tempo, per reinvestirlo al meglio. Servirsi di strumenti sempre più semplici da usare e allo stesso tempo più performanti. Rendere più green il futuro di un'umanità che guarda sempre più alle stelle. Questi sono gli obiettivi e le visioni dei grandi player.


Il nostro sogno è altrettanto ambizioso.

Ovvero quello di esservi sempre accanto, cronisti fedeli delle storie del mondo che cambia, che evolve, che non arresta mai il suo ingegno.


COFFEEBYTES rappresenta un concept brand ideato da SaidiSEO.com

Sede Ufficio: Via Privata Francesco Koristka, 4, 20154 Milano MI - P.IVA 09215030967
e-mail per informazioni: info@ferdinandodagostino.com; saidiseo@ferdinandodagostino.com

Ferdinando Dagostino - SaidiSEO "Web Creative e SEO"

P.IVA 09215030967

YouTube CB.png
Spreaker CB.png
Facebook CB.png
Instagram CB.png
LinkedIn CB.png