Innovazione in Danimarca: Si lavora più felici e con maggiore crescita

Aggiornato il: 6 giorni fa


Prima di commentare il titolo di questo articolo, forse è utile per istante fare un passo indietro.


Infatti, la notizia che la Danimarca si collochi al di sopra della Gran Bretagna come paese di dipendenti più felici in Europa nel settore tecnologie e innovazione non stupisce, ma nemmeno deve far immaginare che una tale conquista sia così scontata.


Quello che molti esperti chiamano coefficiente di “business wellness” (letteralmente benessere del business o gergalmente business felice), per il paese patria dei deliziosi wienerbrød , il percorso posa su pilastri in primis filosofici e sociali, ancora prima che economici.


Anno 2016 – La Danimarca diventa la punta di diamante del Nord


Una vera e propria scalata di numeri e di curve ascensionali in investimenti e rendimenti.

La Danimarca viene nominata come “scaleup forge in the Nordics”.

In sostanza, il paese ha generato 96 scaleup, con 1,7 scaleup ogni 100mila danesi.


Forse necessita un chiarimento. Quando parliamo di scaleup, si intende vere e proprie startup ad alto valore innovativo che attraversano una fase di crescita in termini di dimensioni, rendita, investimenti e fatturato.

Questo si è tradotto in ben 1,3 miliardi di dollari di capitale registrato come crescita globale del sistema paese industrializzato, business for business.


Numeri che hanno fatto girare la testa e che tramutati in dati europei consegnano alla Danimarca il 22% della riuscita delle startup rispetto all’insieme Europa e 35% rispetto all’insieme Paesi Nordici in generale.

Se contiamo che nel nostro stivale il PIL abbinabile ad investimenti startup rappresenta un risicato 0.06%, si capisce subito che il sorriso della Danimarca sia bello largo.


Ma se è vero che il PIL danese ha visto la sua crescita media, anche grazie a uno 0,49% da fonte scaleup, è altresì una certezza che la padrona del business investment targato paesi nordici non ha minimamente alzato il piede dall’acceleratore.


Fonte Actualitix.com

Anno 2019 – Record di investimenti


Determinazione e grande voglia di guardare al futuro dell’innovazione hanno visto messi in gioco altri 540 milioni di dollari di investimenti nel solo 2019. Un vero record che ha portato risultati visibili e immediati, considerando che già nel 2018 più di 4 aziende del paese erano state valutate oltre un 1 miliardo di dollari dalla loro fondazione.


Quanta affidabilità può dare una economia basata sulle startup?


La risposta dimora in una identità, quella scandinava e danese, dove senso di comunità e fiducia nei confronti del prossimo e dei giovani sono spesso il centro di strategie pedagogiche e quindi di crescita futura della società.



A leggerla così sembra utopistico, eppure è sufficiente leggere i temi centrali di ogni discorso politico, oppure studiare le proposte di legge che investono addirittura sugli imprenditori under25.

Il benessere della comunità è un pilastro imprescindibile e i danesi hanno costruito la formula del loro welfare in modo tale che il cittadino sia il centro di una vivibilità produttiva. E non di una produttività ossessiva al mero scopo di arricchire pochi, affidando la qualità della vita media alla legge delle grandi medie statistiche.


Le basi del Sistema Danese


L’economia del sistema danese si basa sui postulati che nel gergo economico sono etichettati dalla filosofia della Flexicurity. In sostanza, maggiori responsabilità e maggiore controllo con uno sgravio del cuneo fiscale grazie all’erogazione pressoché nulla di molteplici servizi.


  • Tassazioni più elevate al mondo (IVA unica al 25%, 36% scaglione minimo di contribuzione, 51% scaglione massimo)

  • Riscossione fiscale gestita direttamente dall’ufficio delle imposte (SKAT)

  • Quasi totale digitalizzazione di informazioni tra banche e aziende


Chiaramente i seguenti punti potrebbero spaventare e sembrare delle forme oligarchiche di controllo economico. Probabilmente lo sono, ma la coerenza sta nell’aumentare la legittimazione dell’organo di controllo, per poter garantire ciò che segue:


  • Università gratuita

  • Stipendio mensile assicurato anche per gli studenti

  • Prestiti governativi agevolati

  • Ingenti investimenti pubblici in infrastrutture

  • Ingenti sussidi per la disoccupazione


Ovvero un sistema che ripartisce i guadagni in servizi, qualità di vita e possibilità di sostentamento e avviamento per i giovani imprenditori del futuro.


Responsabilizzati, certo. Felici e sicuri però di una maggiore crescita, o per lo meno di un futuro meno incerto.


È chiaro che un tale sistema non sia facile da mantenere, infatti ecco spiegata l’alta tassazione necessaria. Eppure l’intero paese crede ed è felice di vivere in un sistema che non solo sta portando molti imprenditori a investire in Danimarca, ma sta spingendo le startup cresciute nei Paesi Bassi a guardare anche oltre oceano.

Questo per cercare fusioni, nuove idee e possibilità di reinvestimento dei capitali raggiunti.


Una prospettiva che sta lanciando giovani imprenditori scandinavi anche in Silicon Valley, con un ovvio ritorno di reputazione e visibilità anche a livello internazionale per l’intero paese.


Redazione Coffee Bytes

COFFEEBYTES rappresenta un concept brand ideato da SaidiSEO.com

Sede Ufficio: Via Privata Francesco Koristka, 4, 20154 Milano MI - P.IVA 09215030967
e-mail per informazioni: info@ferdinandodagostino.com; saidiseo@ferdinandodagostino.com

Ferdinando Dagostino - SaidiSEO "Web Creative e SEO"

P.IVA 09215030967

YouTube CB.png
Spreaker CB.png
Facebook CB.png
Instagram CB.png
LinkedIn CB.png