Le nuove professioni del digitale

Aggiornato il: mag 19

Professioni Hi-tech

Lavoro 4.0 è il claim con il quale si indicano oggi tutti i processi di produzione e di erogazione di servizi che hanno ricevuto la spinta e che continuano a muoversi all'interno dell’attuale scenario di sviluppo tecnologico.

Questa breve perifrasi indica dunque un nuovo modello di business, che partecipa a mutamenti di management e di organizzazione, attraverso l’adeguamento e lo sviluppo continuo di conoscenze mirate nell'ambito dell’information technology.

In questo rinnovato contesto si diffondono professioni esordienti, che debuttano nell'arena del digitale, imponendosi con le proprie competenze altamente specifiche e il fervido ardore creativo, tipico dei più giovani.

L’avanguardia dell’Industrial Internet of Things e Cloud Manufacturing

L’affermarsi di nuove professioni, per le quali sono richieste notevoli conoscenze in ambito tecnologico, deve il suo avvio in particolare alla stretta connessione tra economia e industria, in grado di far progredire la robotica, la realtà aumentata, l’Internet of Things e il Cloud Manufactoring e, grazie a questi sistemi innovativi, di ridipingere l’intero scenario contemporaneo.

Il quadro attuale si presenta certamente cangiante e illustra nuove aree, ambienti e ritmi caratterizzati soprattutto dal lavoro da remoto, non solo nel terziario, ma anche nel secondo settore, quello manifatturiero.


Sembra avveniristica, al contrario rappresenta la realtà, la presenza sempre più decisa di meccanismi elettronici di controllo a distanza delle diverse fasi di lavorazione, che rendono di conseguenza sempre meno necessario il lavoro di personale operaio in carne e ossa.

Questa figura professionale, soprattutto se non qualificata e addetta a azioni ripetute meccanicamente sul ciclo produttivo, sembra oggi al suo declino, in favore dell’affermarsi di lavoratori formati e specializzati nella gestione dei complessi meccanismi di sorveglianza.


Il mutamento in corso, radicato nella profonda trasformazione digitale non solo del nostro Paese, ma del mondo intero, porterebbe addirittura a quasi azzerare la presenza fisica nell'ambiente di lavoro, inducendo piano piano a configurare tutti i macchinari per le produzioni, ed eventualmente a ripararli, da remoto. Si pensa che, a partire dalle fasi di immagazzinamento delle materie prime, si interfacceranno con le macchine, attraverso dispositivi assimilabili a “telecomandi”, solo funzionari istruiti per condurre a distanza, ma in tempo reale, tutte le fasi del processo.

Novità nell'ambito del marketing, o, meglio, del web marketing

Se l’ambito della produzione evolve in modo cosi rivoluzionario, altrettanto distintamente deve muoversi il marketing, quel ramo dell’economia che studia le relazioni tra gli utenti di un’impresa ed il suo mercato di riferimento. Alla funzione marketing, interna ad ogni azienda, viene affidata dunque la strategia di crescita dell’impresa stessa, che, oggi più che mai, pur non prescindendo dalle azioni tradizionali, non può che affidare i suoi piani al web, dall'analisi dei dati che provengono dalla rete, alle conseguenti azioni sui social network.


Se internet è lo spazio in cui tutto accade in modo accelerato, repentino, istantaneo, le trasformazioni che questo determina si traducono anche in opportunità di evoluzione del profilo professionale e di crescita del ruolo all'interno dell’impresa: le rinnovate figure professionali si muovono dunque da un contesto tradizionale per giungere alla sfera del digitale.

Le professionalità della rete

D’altra parte, questo approdo, ad oggi, non è ancora bene normato, ovvero non tutte le figure professionali nate dalla rete, e che, in particolar modo, hanno a che fare con il marketing e la comunicazione, sono state ancora inquadrate in uno standard “di categoria”.

Ha ottenuto il riconoscimento disciplinare del proprio ruolo il web community manager, una delle figure più richieste e maggiormente sulla via dello sviluppo, che si occupa dell’amministrazione delle community on line.

Al suo fianco collaborano il digital strategist e il web advertising manager, che, supportando il management nelle scelte strategiche relative alla presenza e alle attività su internet, si occupano dell’intero processo di promozione aziendale, dalla pianificazione, al coordinamento, al controllo.


La loro attività è strettamente legata a quella del web analyst, una delle figure professionali emergenti, alla quale è affidato il compito di analizzare ed interpretare i dati provenienti dal web, verificando le performance di tutti i canali di comunicazione .

Parallelamente alla figura professionale del web analyst, cresce quella dell’e-reputation manager, alla quale è in capo lo studio della reputazione online dell’azienda, al fine di mantenerla e di incrementarla positivamente.

A questo fine, ci si avvale di digital PR, capaci di creare relazioni favorevoli con i protagonisti del web, e SEO specialist, che sanno ottimizzare i contenuti di un sito internet per i motori di ricerca, attraverso l’esame e l’utilizzo di parole chiave.


Imprescindibile per questo processo è la professionalità del web content specialist, al quale compete la produzione di contenuti in grado di generare valore, partecipazione e dibattito attivo sulle piattaforme media. All'interno di questo nuovo profilo si collocano ulteriori specialisti della comunicazione, con il compito di creare topics: stiamo parlando di copywriter, web editor e blogger.

Conclusioni

Dal web analyst, al digital strategist, al digital-PR manager, al SEO specialyst, le possibilità di entrare a far parte del processo di evoluzione globale in ambito digitale appaiono vastissime.

È innegabile, infatti, che non solo il futuro, ma già il nostro presente sia sempre più connesso alla rete, e che questa, dunque, deve essere sfruttata al meglio, cogliendone le opportunità salienti.


Allora sembra arrivato il momento di cominciare ad implicarsi , di predisporsi all'apprendimento delle nuove regole del gioco e dei nuovi strumenti di lavoro, per stare al passo con i cambiamenti, usarli a proprio vantaggio e avere cosi la possibilità di accedere alle sempre crescenti offerte di lavoro legate al web.

COFFEEBYTES rappresenta un concept brand ideato da SaidiSEO.com

Sede Ufficio: Via Privata Francesco Koristka, 4, 20154 Milano MI - P.IVA 09215030967
e-mail per informazioni: info@ferdinandodagostino.com; saidiseo@ferdinandodagostino.com

Ferdinando Dagostino - SaidiSEO "Web Creative e SEO"

P.IVA 09215030967

YouTube CB.png
Spreaker CB.png
Facebook CB.png
Instagram CB.png
LinkedIn CB.png