Motion Graphic Designer: professione effetti speciali

Chi sta dietro ai titoli di intro e di coda di un tg? E alle animazioni dei film della pixar o dei videogame? Il motion graphic designer, una figura professionale nuova nelle agenzie creative, che ha la responsabilità della grafica in movimento, ovvero delle sigle, degli slideshow, delle animazioni di loghi e background.

Il motion graphic designer, come indica la traduzione, si occupa quindi della grafica in movimento: a lui il compito di fondere tempo e spazio e di trasportare l’opera di design sul piano multimediale, varando progetti grafici nei quali gli elementi sono in grado di muoversi e di prendere vita.


Il grafico in movimento: competenze e specializzazioni


Le tradizionali grafiche statiche si animano attraverso gli effetti speciali caratteristici delle tecniche del cinema, per coinvolgere e catturare completamente lo sguardo di chi le osserva, con il fine di suscitarne una risposta empatica.

Per raggiungere questo intento, il motion graphic designer è alla costante ricerca di spunti originali e innovativi, capaci di far muovere, fondendoli in unico esito, elementi video, fotografici, illustrativi e tracce audio.


Il motion designer, che spesso nasce come Art Director o Graphic Designer e completa un percorso di eccellenza professionale, possiede capacità molteplici, che associano le basi del design grafico alla conoscenza dei software specializzati e che si manifestano nell’interazione con artisti e designer specializzati in ambiti diversi attraverso i cangianti linguaggi digitali.

Gli strumenti elettronici dei quali si serve oggi sono soprattutto i software Adobe After Effects, Flash e Cinema 4D, ma immaginiamo che a questi tools se ne affiancheranno presto ulteriori di nuova generazione, capaci di soffiare la vita in contenuti grafici e di fondere insieme video, musica, speech e visualizzazioni di dati.


Storia ed evoluzione della motion graphic


Se oggi l’animazione grafica è subordinata alle conoscenze informatiche, le sue origini risalgono a ben prima dell’avvento dell’elettronica e dei new media: fu, infatti, l’industria del cinema ad favorirne la crescita, nutrendola come forma d’arte precisa ed elegante, che si manifestava nell’inserimento dei titoli di testa e di coda.


D’altra parte solo con John Whitney, uno dei fondatori delle animazioni su computer, la motion design assume un nome e viene definita come attività peculiare all’interno delle produzione grafiche e artistiche. Whitney, in particolare, negli anni 70 ebbe il merito di fondare una vera e propria azienda capace di creare sigle televisive per il cinema e per la sempre più affermata tv, varando l’utilizzo di mezzi digitali e dando una chiara direzione di crescita alla motion graphic design in chiave moderna.

Naturalmente, anche successivamente alla rivoluzione digitale di Whitney, la motion graphic non smise di essere creata anche con le tecniche di animazione tradizionali, ma, mentre queste sono rimaste particolarmente costose e lente da attualizzare, la diffusione degli strumenti computerizzati ha progressivamente reso questa forma d’arte sempre più accessibile.

Motion graphic design oggi: i vantaggi della scelta creativa


La grafica animata in digitale offre un ventaglio vastissimo di scelte creative e pone l’unico limite nell'estro e nella competenza del designer.

Con il medesimo tempo di realizzazione rispetto alle tecniche tradizionali, la motion graphic art è infatti in grado di rappresentare anche processi e concetti complessi quali statistiche, schemi o flussi utilizzando stili comunicativi che escono dall'ordinarietà.

Gli stili espressivi non hanno limiti di carattere e spessore: possono comprendere modi più divertenti e inusuali, con caratteri non comuni, oppure manifestazioni più formali e rigorose. Il motion graphic design, attraverso l’animazione sempre nuova e originale di immagini in due o in tre dimensioni, può assumere ogni tono voce e ogni carattere.


Come ulteriore vantaggio, il motion graphic design non richiede alcuna logistica legata ad attrezzature di ripresa live: al professionista competente è necessaria unicamente una postazione di lavoro dotata dei software adeguati. A questo benefit si somma, di conseguenza, il risparmio anche in termini di tempi di realizzazione.

L’esito di un buon lavoro di motion graphic design, inoltre, è sempre cool, fresco, espressione della moda del tempo. Diventa, in quest’ottica, un ottimo modo di comunicare un’immagine moderna, allineata ai nuovi trend.


Soprattutto se pensato in chiave di strorytelling, il messaggio promosso attraverso il motion graphic design trova anche un’ottima applicazione sui social media, ma può essere fruito, allo stesso livello, per i fini della comunicazione interna ed istituzionale.

Non bisogna, infine, sottovalutare la sua versatilità, ovvero la capacità assommare a sé tecniche diverse, quali, per citare solo un esempio, la whiteboard animation, e di raddoppiare così i vantaggi propri di ciascuna.

Tutto ciò con il solo desiderio di catalizzare il pubblico, con l’offerta di un forte dinamismo e di sorprendenti effetti a sorpresa.


Si spiega dunque il ricorso, sempre più assiduo, del marketing e della comunicazione, a questa modalità pervasiva, immediata, attuale e, non ultimo, sostenibile. E siamo pronti a scommettere che il motion graphic design varcherà presto ulteriori frontiere dell’espressione umana.

COFFEEBYTES rappresenta un concept brand ideato da SaidiSEO.com

Sede Ufficio: Via Privata Francesco Koristka, 4, 20154 Milano MI - P.IVA 09215030967
e-mail per informazioni: info@ferdinandodagostino.com; saidiseo@ferdinandodagostino.com

Ferdinando Dagostino - SaidiSEO "Web Creative e SEO"

P.IVA 09215030967

YouTube CB.png
Spreaker CB.png
Facebook CB.png
Instagram CB.png
LinkedIn CB.png