Serve Robotics: Uber si focalizza sul ride-hailing

Dopo l’acquisto da parte di Uber di Postmates, un servizio di consegne di cibo, ora la sua divisione di robotica si è trasformata in Serve Robotics, una società indipendente i cui robot effettuano consegne a domicilio, rinnovando l’idea di mobilità.

uber eats

Serve Robotics, originariamente chiamata Postmates X, ha raccolto finanziamenti in un round guidato dalla società di venture capital Neo. Tra gli investitori nel progetto, troviamo Uber, così come Western Technology Investment, Scott Bannister, Lee Jacobs e i fondatori di Postmates Bastian Lehmann e Sean Plaice.

La società, il cui nome deriva da bot autonomo di consegna sul marciapiede sviluppato da Postmates X, ha semplicemente confermato che il round di finanziamento, che sarà una serie A, non è ancora stato completato.


La gestione di Serve Robotics dopo l’acquisizione


Serve Robotics sarà gestita da Ali Kashani, già alla guida di Postmates X, e avrà come co-fondatori Dmitry Demeshchuk, primo ingegnere che si è unito al team, e MJ Chun, che ha precedentemente guidato il prodotto di Anki ed è stato a capo della strategia di prodotto di Serve. La società, con 60 dipendenti, avrà sede a San Francisco, con ulteriori uffici a Los Angeles e Vancouver, Canada.


Kashani, co-fondatore e CEO di Serve Robotics, ha affermato che l’innovazione nella società sta nell’eliminare completamente l’utilizzo di auto, rendendo le consegne sostenibili e accessibili a tutti. Il CEO prevede che, nei prossimi due decenni, i robot entreranno a far parte di ogni aspetto della nostra vita, non soltanto occupandosi del trasporto di cibo.


Postmates si è aperta all’esplorazione dei bot di consegna nel 2017, dopo l’acquisizione della startup Lox Inc di Kashani. Una volta a capo di Postmates X, Kashani ha scelto di rispondere alla domanda “perché spostare burritos da due libbre con auto da due tonnellate?”. Per questo motivo nel dicembre 2018, ha creato il primo bot di consegna autonomo Serve. Dopo questo primo design, ne è emerso un secondo, con diversi sensori lidar e pochi altri aggiornamenti, lanciato nell’estate 2019, prima del suo lancio commerciale previsto a Los Angeles.


L’idea di Serve Robotics di progettare robot da consegna specializzati nella navigazione dei marciapiedi continuerà, con l’intenzione di espandere il mercato attraverso nuove partnership, accelerando la ricerca e lo sviluppo nella San Francisco Bay Area.


Il nuovo focus di Uber sulla redditività


Uber ha deciso di focalizzarsi sul ride-hailing e la consegna, spingendo per la redditività: questo desiderio è nato dopo il debutto sul mercato pubblico di Uber nel maggio 2019, accelerando con l’arrivo della pandemia di Coronavirus.


Negli ultimi due anni, infatti, Uber è passata dall’avere imprese in tutto il settore dei trasporti -dal ride-hailing alla micromobilità, alla logistica, al trasporto pubblico, alla consegna di cibo, alle scommesse futuristiche- all’abbandonare il cosiddetto approccio “tutto ma non il lavandino”. Il successo e le controversie di Uber sono state affrontate in questo editoriale.


Solo nel 2020, ha scaricato Jump, l’unità di scooter e biciclette, in un complesso accordo con Lime, vendendo una quota del valore di 500 milioni di dollari nella sua spin-off logistica Uber Freight. Ha inoltre abbandonato la sua unità di veicoli autonomi ATG e del suo gioco di aerei Uber Elevate. Uber ATG, società valutata 7,25 miliardi di dollari, invece è stata acquisita da Aurora, una start up di veicoli autonomi sostenuta da Sequoia Capital e Amazon, in un affare simile alla transazione avvenuta tra Jump e Lime.


 Uber ATG

Aurora è un’azienda che si concentra sulla costruzione dello stack completo di guida autonoma, ovvero la tecnologia che permetterà ai veicoli di muoversi su autostrade e strade cittadine senza un conducente umano alla guida. Aurora non ha pagato in contanti per Uber ATG: Uber ha consegnato la sua equità in ATG, investendo 400 milioni di dollari in Aurora, che gli darà una quota del 26% della società combinata, secondo un deposito con la U.S. Securities and Exchange Commission.


In questo modo, gli azionisti di Uber diventeranno azionisti di minoranza di Aurora. Una volta chiuso l’affare, Uber insieme agli investitori esistenti di ATG e ai dipendenti di ATG che continuano a lavorare per Aurora, collettivamente deterranno circa il 40% di interesse nella società su una base completamente diluita, con il CEO di Uber, Dara Khosrowshahi, che prenderà un posto nel consiglio di amministrazione della versione ampliata della startup fondata nel 2017.


Nonostante la scia di problemi che hanno afflitto Uber ATG, Chris Urmson, uno dei fondatori di Aurora, ha affermato che alcuni dei lavori eseguiti dall’azienda nella progettazione del loro hardware di prossima generazione per i veicoli siano eccitanti ed interessanti.

Sul lato software, invece, è risultato interessante il suo approccio alla previsione e il sistema di percezione insieme.


Inoltre, Uber ATG ha preziosi ingegneri di medio e basso livello, motivo per cui, secondo fonti vicine all’affare, l’acquisizione è risultata particolarmente attraente per Aurora.


Articolo di Chiara Pozzoli