Slack: la comunicazione tra colleghi non è mai stata così facile

Essere produttivi è un must per qualsiasi team. Chi non lo è rimane indietro, non essere produttivi significa dimenticare scadenze, veder sfumare opportunità, rischiare di spendere troppo tempo in un’attività e perdere momentaneamente di vista la visione del gruppo.

A far fronte ai problemi di produttività del team ci pensa Slack: lanciata nel 2013, l'applicazione ha già preso il suo posto tra gli strumenti di punta per quanto riguarda l’organizzazione di un gruppo di lavoro. Qualsiasi sia la natura di questo gruppo, Slack ti permette di controllarlo e far sì che ogni suo membro dia il massimo. Cosa rende Slack, Slack?


Come abbiamo detto, l'app è rapidamente diventata uno degli strumenti di comunicazione aziendale più usati in circolazione. La piattaforma, che assume le sembianze di una applicazione di messaggistica, rende semplicissime le comunicazioni di qualsiasi gruppo di lavoro.


I membri del gruppo possono impostare chatroom private o di gruppo, trascinare e rilasciare file per la condivisione, cercare messaggi e accedere al sistema sul proprio desktop o dispositivo mobile. In base alle proprie esigenze il gruppo può decidere di aggiungere funzioni al suo Slack integrando una delle più di 450 app compatibili con la piattaforma. Tra le varie feature integrabili troviamo: il tenere traccia del feedback dei clienti e fornire rapporti sullo stato del progetto, ma anche approvare i tempi di vacanza.

Slack non è però solo un'applicazione di messaggistica. Essa si è consolidata come un nuovo modo di lavorare e tutto grazie alla sua strategia di marketing. Innanzitutto, la prima cosa di Slack che cattura l’attenzione è il suo sistema di feedback e suggerimenti. Questo assume le sembianze di un bot, “Slack-bot”, che è lì per risolvere qualsiasi dubbio dell’utente e per mostrargli le numerose funzionalità dell’applicazione.

Esso è anche cruciale perché aumenta enormemente l’usabilità del prodotto.


Questo fattore aumenta anche la probabilità di fidelizzazione dell’utente che nel vedere Slack come un prodotto funzionale e affidabile sarà anche più propenso a consigliarla al suo gruppo di lavoro.


L'app fa quindi del passaparola - o come lo chiama una delle più grandi responsabili della crescita di Slack Merci Victoria Grace “un cavallo di troia eticamente accettabile” - la sua punta di diamante. Un prodotto che si afferma in un’azienda perché raccomandato da una persona all’interno della stessa, verrà infatti sicuramente meglio accettato piuttosto che dovuto all'imposizione di un possibile capo reparto.


Per quanto riguarda l’applicazione in sé, possiamo certamente considerarla piena di punti a suo vantaggio. Tra tutti c’è il fatto che Slack permette di mantenere il team sempre a contatto, ovunque i propri membri siano. Tutte le comunicazioni e gli strumenti vengono tenuti in un unico luogo da cui i team remoti possono attingere per rimanere produttivi.

Inoltre è da considerare che Slack permette di dividere il lavoro in canali. Essi offrono a tutti i membri del team una visione condivisa dei progressi e degli obiettivi e mantiene le conversazioni organizzate e potendo seguirle in modo più semplice. Supponiamo che una conversazione sia più importante di altre: in questo caso è possibile dare priorità a quest’ultima in modo che sia facilmente individuabile.


Consigli di Marketing da un esempio di Marketing riuscito


Slack ai suoi albori era una tra le tante applicazioni di messaggistica. Per arrivare dove è ora ha dovuto attuare una strategia di marketing vincente da cui ognuno potrebbe prendere spunto. Nel suo processo di affermazione, l’applicazione ha percorso la via del “cavallo di troia” che spiegavamo nel paragrafo precedente, ma è passata anche per la pubblicizzazione tramite personalità e riviste di spicco. Tutte cose che potrebbero sembrare comuni ad altre strategie di marketing ed infatti lo sono. Ciò che cambia è l’attitudine con cui queste state sono state percorse.

Secondo la stessa Merci quest’attitudine è caratterizzata da dei concetti molto semplici.


Fallire 9 volte su 10: un team non si deve fermare una volta che gli obiettivi sono stati completati, ma deve provare, cimentarsi in nuove sfide senza avere paura di sbagliare.


Essere i critici di se stessi: la critica nei confronti del proprio prodotto è di vitale importanza per assicurarsi che esso sia di alta qualità


Essere gentili: qualcuno ha comprato il tuo prodotto, ha pagato un anno di abbonamento, poi ha deciso che non era adeguato alle proprie esigenze e chiede un rimborso? Sii gentile. Un cliente che non utilizza il tuo prodotto ora potrebbe tornare e essere gentili aumenta la probabilità che lo faccia.


Costruire un nuovo mercato. Il fatto che un prodotto come Slack venisse alla luce in un mondo già pieno di applicazioni, ha reso necessario un cambio di prospettiva. La stessa Merci offre un paragone interessante, tra un'azienda di selle, che vende articoli di pelletteria e compete per qualità e prezzo, e un'azienda di equitazione, che vende l'esperienza della libertà andando a cavallo. Il cambiamento di prospettiva libera l'azienda di equitazione di creare la propria identità di marchio e di essere leader di mercato in un mercato di sua creazione.


Scommetto che già conoscevi Slack


Come dicevamo, Slack si è consolidato come uno dei prodotti di punta nel settore dalla comunicazione in team. Chiunque faccia parte di un qualsiasi tipo di azienda ne ha sentito parlare.

Ovviamente non fa per tutti. Magari alla piccola attività familiare non serve poter dividere le sue conversazioni in canali, ma Slack non si tira indietro e anzi si dimostra adattabile a diverse realtà, dalle più piccole alle più grandi.

La sua adattabilità ad ogni contesto e la possibilità di personalizzazione grazie alle feature addizionali implementabili rende Salck un comodo strumento per tutti.


Articolo di Angelo Rosace

COFFEEBYTES rappresenta un concept brand ideato da SaidiSEO.com

Sede Ufficio: Via Privata Francesco Koristka, 4, 20154 Milano MI - P.IVA 09215030967
e-mail per informazioni: info@ferdinandodagostino.com; saidiseo@ferdinandodagostino.com

Ferdinando Dagostino - SaidiSEO "Web Creative e SEO"

P.IVA 09215030967

YouTube CB.png
Spreaker CB.png
Facebook CB.png
Instagram CB.png
LinkedIn CB.png