WWDC 2020: Per la prima volta in digitale


Articolo di Chiara Pozzoli

Per la prima volta l’evento WWDC di Apple si è svolto esclusivamente in digitale. La WWDC, o Worldwide Developers Conference, è giunta alla sua trentunesima edizione e quest’anno, a causa della pandemia Covid-19, per la prima volta non si è tenuta in California. L’azienda ne ha condiviso i dettagli, assicurando che si è trattato del più grande evento WWDC avvenuto finora, dal momento che la partecipazione è stata resa gratuita a tutti gli sviluppatori.

Il 18 giugno sono stati presentati dall’azienda tutti i nuovi Apple Developer Forums, in cui la comunità degli sviluppatori è messa in contatto con più di mille ingegneri che potranno risolvere i loro dubbi e far parte di discussioni tecniche. A partire dal primo giorno del WWDC, i membri dell’Apple Developer Program hanno avuto accesso alle discussioni del forum, dove hanno potuto postare le proprie domande. Dal 23 al 26 giugno Apple ha anche ospitato laboratori di sviluppo individuali in cui era possibile per gli sviluppatori richiedere appuntamenti con ingegneri Apple al fine di essere guidati nell'implementazione delle nuove funzionalità. In queste date, Apple ha tenuto più di 100 sessioni tecniche e di progettazione, pubblicando sempre su app e sito Apple Developer dei video, disponibili dalle 10 del mattino.


Apple ha inoltre ospitato una Swift Student Challenge, i cui finalisti sono stati annunciati il 16 giugno, che ha messo in palio per i vincitori una giacca, spille e sessioni di laboratorio virtuale one-to-one piuttosto che un ingresso gratuito alla Worldwide Developers Conference 2020.


Gli aggiornamenti annunciati durante WWDC


Il 22 giugno l’evento principale è iniziato alle 10 del mattino secondo il Pacific Time, trasmesso in diretta streaming da Apple Park. WWCD 2020 è stato reso visibile su apple.com, l'app Apple Developer, il sito web Apple Developer, l'app Apple TV e YouTube. Alle 14, invece, è stato reso disponibile sull’app e sul sito Apple Developer per gli sviluppatori Platforms State of the Union, per aggiornarli sugli ultimi update di iOS, iPadOS, macOS, tvOS e watchOS.


Gli update di iOS14

iOS14 sarà disponibile come aggiornamento dall’iPhone 6s in poi a partire da settembre e, al momento, può essere scaricato in formato beta da sviluppatori registrati. Tra gli aggiornamenti che troviamo disponibili c’è una funzione di traduzione che supporta undici lingue, tra cui arabo, cinese, inglese, italiano, tedesco e spagnolo. Il layout è molto semplice, la traduzione, affiancata al testo originale, facilita la conversazione, anche grazie ad una traduzione audio con suono naturale grazie all’Apple Neural Engine.


Inoltre, troviamo il Picture in Picture, un supporto che permette di continuare la visione di un video o di un film mentre si utilizzano altre applicazioni. Simile a questa funzione, vediamo anche una versione di Siri e delle chiamate, sia FaceTime che non, che non occupa più lo schermo nella sua interezza, permettendo all’utente di utilizzare altre app a piacimento. Un’ulteriore funzione, denominata AppClips, permette di visualizzare informazioni su app rilevanti senza la necessità di scaricarle. Questa funzione può essere utilizzata anche per completare transazioni o pagare il ticket del parcheggio tramite Apple Pay.

Una funzione rivoluzionaria, che sarà testata a luglio dai clienti BMW, è la chiave digitale per aprire e far partire la propria automobile. Tenuta tranquillamente nell’Apple Wallet, se avvicinata alla portiera del conducente, aprirà il veicolo. All’interno dell’abitacolo, l’iPhone, sistemato su un lettore o un caricatore wireless, permetterà l’avvio e la guida della vettura.


Gli update di iPadOS14


Sull’iPad, invece, possiamo vedere delle nuove toolbar e delle funzionalità drag and drop, che sono state implementate su diverse app standard, come Photos, Files, Notes, Calendars e Apple Music. Gli stessi aggiornamenti che troviamo sull’iPhone per quanto riguarda FaceTime e Siri sono anche disponibili sul tablet.


Da considerarsi importante è l’evoluzione che sta avendo l’handwriting sull’iPad, ormai con un utilizzo quasi della stessa valenza della tastiera. Il cosiddetto “Scribble” permetterà agli utenti di scrivere a mano, con un supporto in inglese e cinese sia tradizionale che semplificato. Si potrà inoltre utilizzare entrambe le lingue allo stesso tempo, senza dover cambiarle manualmente. Grazie all’opzione Smart Selection, nelle note sarà possibile distinguere i disegni dalle parti scritte a mano, che potranno così essere selezionate e incollate su un altro documento come testo scritto a computer.


Nei testi scritti a mano saranno anche riconosciuti i numeri di telefono, le date, gli indirizzi e sarà possibile per gli utenti, ad esempio, cliccare questi numeri di telefono per effettuare una chiamata.

iPadOS14 è disponibile con ARKit4, che prevede un DepthAPI in grado di avere accesso a informazioni molto più precise tramite l’uso del nuovo Scanner LiDAR sull’iPadPro.


COFFEEBYTES rappresenta un concept brand ideato da SaidiSEO.com

Sede Ufficio: Via Privata Francesco Koristka, 4, 20154 Milano MI - P.IVA 09215030967
e-mail per informazioni: info@ferdinandodagostino.com; saidiseo@ferdinandodagostino.com

Ferdinando Dagostino - SaidiSEO "Web Creative e SEO"

P.IVA 09215030967

YouTube CB.png
Spreaker CB.png
Facebook CB.png
Instagram CB.png
LinkedIn CB.png